Istruzioni per l'uso

Istruzioni per l'uso: ormai l'avrete capito, questo è un blog un po' fuori dal comune. L'intento è quello di divertirci con voi; come? Abbinando post scritti a 4 mani (ma la cosa carina è che non ci mettiamo d'accordo; una scrive quel che vuole, l'altra "risponde") a ricette prese dal web. Inserire piatti preparati da noi sarebbe troppo laborioso soprattutto perché entrambe vogliamo portare avanti anche i nostri blog personali. Per la stessa ragione non potremo venire a commentare da voi (per quello useremo ognuna il proprio blog "serio"), lo faremo qui, rispondendo a tutte, sempre e con doppia risposta. Se vorrete partecipare a dare un'anima in più a questo spazio, mandateci il link di una delle vostre ricette e poi... preparatevi perché ve le "faremo a pezzi". I post avranno cadenza settimanale ma crediamo potrà essere interessante seguire i vari botta-e-risposta nei commenti.
Infine: preparatevi perché avrete delle sorprese ed un blog tutto cliccabile!!!


translate

lunedì 12 dicembre 2011

Oppporccc...



OPPPORCCC...  guarda un po' qua?"
Ecco,  Tinny è davvero una brava ragazza, tutta acqua e sapone. E' "nature". E’ istintiva. E' trasparente, non si nasconde. Insomma e' così come la vedete: pelame fulvo e lucido, musetto dolce, uno sguardo tenero ed implorante che va dritto al cuore. Di lei si potrebbe dire: le manca solo la parola.
No, per la verità la parola ce l'ha.
Una.
Una sola: "OPPPORCCC...".
Ho cercato più e più volte, con tutta la pazienza di cui sono capace, di toglierle l'insana abitudine e di impartirle un'educazione più consona al suo pedigree, ma ho fallito miseramente; non posso far altro che tenermela com'è e, quando pronuncia la fatidica parola, chiederle sconsolata una spiegazione.
SI’, qui, proprio QUI!” continua a ripetere sventolando la rivista che ha in mano.
Si ferma un attimo e riesco a scorgere il titolo della rivista in questione. Si tratta di un mensile di cucina, tra i più quotati ed affermati almeno nel mercato italiano: Acqua in bocca. Vabbè che è una pseudo rivista salutistica che tratta di diete ed abitudini alimentari, ma che ricette potrà mai contenere, con un titolo così, per me rimane un mistero.

"Ok, ciccia, calmati e spiega!"

"Ecco, sì, ero in edicola che sfogliavo distrattamente qualche pubblicazione riflettendo se comprare o no - di solito, quando “sfoglia distrattamente” vuol dire che legge a scrocco. Ha una memoria fotografica, la signorina; legge, immagazzina e riproduce a casa SENZA aver comprato alcunché – quando mi cade l’occhio sul servizio che è qui, in una delle ultime pagine, nella rubrica dedicata al web. Per una volta tanto compro e corro qua. Ecco! Ci hanno copiato, CI HANNO COPIATOOO!"
Apre forsennatamente alla pagina incriminata e dice: "ECCO, guarda qui; logo, colori, persino i caratteri di stampa del nostro nuovo blog… tutto, tutto copiato, tranne il titolo “Panchina in bronzo e chiocciole”. STI BASTARDS, neanche una piccola citazione per noi, chi siamo, cosa facciamo, cosa vogliamo…"

“Seee, vabbé, chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo, tutte domande metafisiche con cui si sono cimentati i più grandi Filosofi della Storia senza trovare risposta…” la butto sul ridere “Da qua!”
"ECCO, ECCO!" Indica la pagina.
Leggo, allibita.
"Tinnyyyyyy, ma queste siamo noi!!! Pastina in brodo e chiacchiere. Tinny OPPPORCCC, ti vuoi comprare 'sti czz di OCCHIALI???"


"OPPPORCCC!!! Ma dai, che c'hai ragione!! No, non sugli occhiali, ci vedo quel tanto che ritengo necessario...avevo gli occhi lucidi per il vento.....Ma allora, ormai siamo delle superfoodblogger, ne? E poi, scusami, ma siamo proprio su una signora rivista, la Cialtrini Editori è una delle più rinomate, non è la stessa che si occupa anche di pubblicazioni medico-scientifiche..."Lavarsi i denti fa male", "Più fumi più ossigeni il cervello"??? Questi sono dei professionisti!...Da non credere. Mettono delle rubriche estremamente serie...il mese scorso hanno pubblicato uno studio dell'Università di Minchiaters dove dicono che bere molta acqua fa male perchè ti fa marcire  le cellule e ti fa venire i reumatismi per l'aumento interno di umidità...cazzarola Faustidda, è un vero onore!" esclamo tutta orgogliosa sventolando la rivista.
"Potremmo incorniciare l'articolo e regalarlo a Natale alle nostre famiglie, sarebbe carino, no?"propone Fausta con gli occhi scntillanti.
"Eh, magari così eviti di sommergerli tutti di quei 12 kg di biscotti!".
Apro la rivista e lisciando le pagine centrali che ci ospitano, inizio a leggere a voce alta.
"Da oggi la nostra rivista inaugura una nuova rubrica: Blog da imitare...wauww! C'è persino una classifica...siamo al primo posto Faustidda!"esclamo stringendo i pugni per l'emozione.
Lei mi prende la rivista di mano e, dopo pochi secondi, si rabbuia.
"Tinny?...Veramente la rubrica si intitola Blog da EVITARE..."
OPPPORCCC...


Filetto di maiale con paté di olive e olio evo al basilico.



Ricetta ed immagine sono state prese QUI

Ingredienti per3 persone
Un filetto di maiale di circa 400 - 500 grammi
paté di olive (un cucchiaino ogni medaglione)
alcune foglie di basilico fresco
Olio extra vergine di oliva (EVO)
sale e a piacere pepe

Rifilare il filetto eliminando l'eventuale grasso in eccesso; lavare e tritare le foglie di basilico possibilmente non usando coltello in metallo, io uso quello in ceramica, quindi metterlo in infusione in un bicchiere d'olio extra vergine di oliva. Tagliare il filetto di maiale a medaglioni alti circa 2 cm. Far scaldare su fiamma bella fifa la bistecchiera quindi cuocerci i medaglioni di maiale un paio di minuti per parte (anche meno dipende  dallo spessore delle fette che avete tagliato)  in modi che da ogni lato si formi una bella crosticina croccante.

Levare i medaglioni dalla piastra e sistemarli al centro del piatto, versarci un po' di emulsione olio basilico e sistemare sopra ogni fetta un cucchiaino di paté di olive taggiasche.

29 commenti:

  1. Ah ah ah ah a...ma come cavolo vi vengono in mente ??? Siete formidabili...cmq io ascolto sempre le riviste...quindi vi evito e mi levo dai vostri sostenitori :-D ah ah ah ah

    RispondiElimina
  2. Ma come si permettono questi Cialtrini.....
    non c'è più religione... e Tinny hai speso 7,95 euri (con la crisi che c'è!!!)per sentirti dire che sei da EVITARE!!! Facciamogli causa ho un buon avvocato da raccomandarti del famosissimo studio NONNEVINCOUNA(CAUSA)DAQUANDOBERTAFILAVA Dott.Avv. Mario Azzeccagarbugli & Soci.
    Vuoi il numero di telefono?

    RispondiElimina
  3. Che ridere!!! Io adesso scrivo a questa rivista e gliene canto quattro. Ma come si permettono, da evitare? Sti Bastards!!!

    RispondiElimina
  4. io propongo un invio di mai(a)l(e) seduta stante,

    forza tutti a scriveri a sti lazzaroni pardon cialtroni

    e per Natale un bel paio di occhialetti alla tinny modello signorina Rottermeier

    RispondiElimina
  5. Tinny, ma come mai non vuoi portare gli occhiali? Guarda che tu, essendo una farmacista, ti sono indispensabili! Pensa se invece di vendere cremina per i brufoli vendi pomata per le emorroidi! Sono d'accordo per le mail.

    RispondiElimina
  6. Ma come, non ci posso credere...
    Non ci sono più le riviste di cucina di una volta...

    RispondiElimina
  7. Sugli occhiali preferisco non rispondere...ci vedo benissimo, è inutile che si continui a sostenere il contrario...avevo gli occhi ancora un pochino irritati per lo spray usato l'altro giorno, su!
    Per il resto avete ragione, è una vera vergogna, la signorina Rosario ha pianto tutto il giorno.

    Deborah: secondo me fai bene, siamo pessime e con un gran brutto carattere...!!!

    Fra: ennòdai! Grazie.

    Carla: ennò, ho speso tantissimi soldi, tra l'altro ho rinunciato a comprarmi il gambaletto graduato per 'sta rivista! Grazie per la dritta dell'avvocato, appena rientra Faustidda lo faccio chiamare da lei...

    Ciccia: grazie ne? Fagli parurissima! Un bacino.

    Stefania: d'accordissimo con te! Sugli occhialini no,
    ebbasta!

    Meris: ciaooooo, come stai??? La farmacista, ogni tanto, è talmente rincoglionita che, occhiali o no, cappella eccome...ma se ne accorge "quasi" sempre! Un bacione.

    RispondiElimina
  8. Buona sera belle signorine, oggi sono troppo stanca e vado a sdraiarmi sul divano con la nonnina di casa (Elsa).
    un bacione e non fate troppi danni

    RispondiElimina
  9. ciao a tutte, vi siete impegnate anche stavolta!! eh si, mi sa che ve li sognate di notte i post!! complimenti per la fantasia!!

    RispondiElimina
  10. e va bene niente occhiali, anche se io volevo regalarti quelli che andavano di moda negli anni 80, non so se ricordi, ma promettevano che potevi vedere attraverso il muro nella casa dei vicini!! poi c'erano anche quelli che facevano vedere la gente senza vestiti... quale modello preferisci?

    RispondiElimina
  11. Ahahahahah!!! Me li ricordo quegli occhiali lì!!!
    Facevano la pubblicità sul "Monello" e anche sul"L'Intrepido", ma non erano gli anni '80 erano gli anni '70...

    RispondiElimina
  12. negli anni 80 erano finite sulle guide tv; io me li ricordo su sorrisi e telesette

    RispondiElimina
  13. Ce li ha la signorina Rosario quegli occhiali...ecco perchè quando incrocia la Fausta sghignazza sempre!!!

    RispondiElimina
  14. hhiihhii hhaahhhhaaa hiiiii :DD

    RispondiElimina
  15. per favore, smettiamola di sghignazzare alle mie spalle! Intanto vi siete date una bella zappa sui piedi: se ricordate le pubblicità anni '70 la vostra età non dovrebbe essere così tenerella... insomma, io quella roba lì non la ricordo, ma c'è da dire che ho 16 anni(!?!)
    Secondo: se la Rosario sghignazza è solo perché la sua "padrona" non la tiene a freno e se sapesse in che mani è capitata tanti motivi per sghignazzare non li avrebbe!
    Io momentaneamente sto per essere sommersa da una valanga di biscotti... potrebbe darsi che le mani, fra un po', non riescano più a raggiungere la tastiera; PERTANTO se non mi sentite per un po' sapete il motivo. NON spedite SMS, il mio cellu non li riceve (non so come sia sta faccenda...). Caso mai potrete organizzare squadre di soccorso composte da persone dai grandi appetiti, potrebbe essere che trovino la loro bella sodisfazione nel liberarmi.
    p.s. doveroso: la Tinny HA bisogno degli occhiali, ma come molte persone affette da qualche patologia non se ne rende conto e nega l'evidenza; provate voi a convincerla perché io non ce la faccio più...

    RispondiElimina
  16. Nessuno ti manderà più sms, tranquilla.
    Per il resto, hai perfettamente ragione: nego, nego tante di quelle cose...per non prendere i dovuti provvedimenti, in realtà.
    Per la valanga di biscotti...se dovessi rimanere sommersa, schiacciata, soffocata...manda un sms di aiuto, ne??

    RispondiElimina
  17. Faustidda sbaglio o hai ammesso l'esistenza della signorina Rosario???
    Non ti preoccupare per la valanga di biscotti, basta che fai un fischio e corro a salvarti (dice fregandosi le mani mentre prepara un enorme tazza di latte in cui inzipparli tutti....oppporcccc mi sono scottata!)

    Tinny dai retta alla Faustidda comprati sti benedetti occhiali, se non altro sarai molto fashion e cool!!

    Bacetti a tutti :-)

    RispondiElimina
  18. fino a qualche anno fa andavano di moda le montature con le lenti finte per sembrare più intelligenti...

    eh si Mari la Fausta ha ammesso per cui Tinny aveva ragione, de consecans (come diceva il mio professore di francese) le do ragione nel dire che non ha bisogno di occhiali

    saluti a tutti, Stefania (che non prende più il rifacol!!)

    RispondiElimina
  19. Mari e Stef: eh sì, ho ammesso che la Rosario esiste... nella zucca di Tinny! Insomma, il tono era IRONICO! D'altra parte ho parlato della sua "padrona", vabbé, chiamatela "creatrice", se volete e poi ai fuori di testa bisogna dar sempre ragione per evitare scoppi d'ira, n'est pas? (come diceva il prof di france di Stefania).
    Mariangela: bevi sto latte, bello bollente e NON SPERARE nei miei biscotti!!!
    Stefania: de consecans la Tinny HA bisogno degli occhiali...

    RispondiElimina
  20. Allora, se me lo menate col francese...eh???

    RispondiElimina
  21. fausta il mio professore avrebbe detto nes passe il tutto accompagnato da una buona alitata all'aglio di quelle portentose che quando era umido e la fiatella si condensava in aria ci prendeva un colpo se ci chiamava interrogati alla cattedra

    RispondiElimina
  22. Pensa quelli che se lo mangiano per abbassarsi la pressione...

    RispondiElimina
  23. IO lo mangio per abbassarmi la pressione!!!
    No, scherzavo...

    RispondiElimina
  24. Stef: apperò che bel professorino! Però il mio (di tecnica bancaria) penso che superasse anche il tuo. Descrizione: completo gessato grigio, scarpe gialle (sì, proprio gialle!), bel panzone in evidenza, fiches del casinò di Sanremo spesso in mano (per mostrarcele e farci vedere che lui "poteva") e frasi del tipo: non ti do un calcio nel sedere per non sporcarmi le scarpe dello sterco di cui sei fatto (testuali! Non sto inventando nulla!!!). Fosse adesso sarebbe da denuncia... negli anni 70 denunciare un prof non usava (Tè lì che mi sono data la zappa sui piedi... vabbé, lo confesso, non ho 16 anni)

    RispondiElimina
  25. Vabbè, se vogliamo gareggiare, la mia prof di Italiano Latino dell'ultimo anno di Liceo, si mangiava le unghie e le sputava...indovinate chi stava al primo banco???...Esattooooo. E basta.

    RispondiElimina
  26. Fausta mi sa che adesso le fiches lo hanno consumato tutto

    Tinny che fortunella!! ti ha mai preso in un occhio?

    RispondiElimina
  27. No, ma sul banco mi ci son finite...mi vengono ancora i brividi, mi sembra ieri!

    RispondiElimina
  28. Troppo, troppo forti voi due!!!! Mi fate morire dalle risate!!!! Un bacione grande!!!

    RispondiElimina

dì la tua (... purché sia uguale alla nostra...) e torna per la risposta, se hai il coraggio!