Istruzioni per l'uso

Istruzioni per l'uso: ormai l'avrete capito, questo è un blog un po' fuori dal comune. L'intento è quello di divertirci con voi; come? Abbinando post scritti a 4 mani (ma la cosa carina è che non ci mettiamo d'accordo; una scrive quel che vuole, l'altra "risponde") a ricette prese dal web. Inserire piatti preparati da noi sarebbe troppo laborioso soprattutto perché entrambe vogliamo portare avanti anche i nostri blog personali. Per la stessa ragione non potremo venire a commentare da voi (per quello useremo ognuna il proprio blog "serio"), lo faremo qui, rispondendo a tutte, sempre e con doppia risposta. Se vorrete partecipare a dare un'anima in più a questo spazio, mandateci il link di una delle vostre ricette e poi... preparatevi perché ve le "faremo a pezzi". I post avranno cadenza settimanale ma crediamo potrà essere interessante seguire i vari botta-e-risposta nei commenti.
Infine: preparatevi perché avrete delle sorprese ed un blog tutto cliccabile!!!


translate

lunedì 16 gennaio 2012

SUPER POTERI??...



Mmmmmmmm, che rottura di marones con 'sta storia della torta con la pasta di zucchero...
Non sono capace a farla, non l'ho mai fatta e allora?? E' inutile che organizzi simposi sulla temperatura dello zucchero che si deve sciogliere a 120 gradi altrimenti non viene come deve...ebbastaunpò!
NON ce l'ho il termometro per misurare la temperatura... come si chiama? Quello che i pasticceri usano per conoscere l'esatto esattissimo punto di fusione dello zucchero, NON ce l'ho! Che poi, sei sicura che vada fuso per fare la pasta di zucchero? Vabbè, io non ci capisco una fava tonka.
Io avevo solo quello banale per la cottura delle carni, quello con disegnato il pollo, la mucca, il maiale...tipo giochino per bambini scemi, okkei??? Ma si sa, le carni, in questa casa, si snobbano, perchè la carne fa male...i dolci e le creme e le marmellate quelli no, fan benissimo.
Dico avevo perchè, la signorina Rosario l'ha usato un giorno...non si sentiva molto bene....vabbè, questa è un'altra storia (le sue grida mi rimbombano ancora nelle orecchie!).
Se hai deciso di fare una torta decorata, fattela...magari guardo ed imparo.
Avrai un brutto carattere, ma devo ammettere, che in queste cose sei  bravina.
Sei molto brava a creare, hai fantasia e quel pizzico di inventiva che ti fa sperimentare sempre cosine nuove.
...No, non sto facendo la ruffiana, non sto cercando di farmi perdonare per l'incidente della piantina rara...sei ancora arrabbiata?
Vabbè, non parliamone più.
Guardo in silenzio.
Che poi, non ho capito perchè uno se lo debba star tanto a menare con 'sto zucchero, quando si scioglie si scioglie...
Beati i nostri antenati che facevano tutto più semplice, senza tanti strumenti complicati, andavano ad occhio, usavano tutti i loro sensi per percepire, captare l'esatto momento...stringevano nelle loro mani e menti tutto il loro sapere, scrivevano su carta ricette perfette, spesso segrete ai più...
Non è che avessero bisogno di chissà quale super potere per fare una torta, ne?
Se poi decidevano di perder tutto il giorno a far foglie, fogliette, fiocchi e trifogli e strati di rivestimento, affari loro.
...Suona il telefono? Vai a rispondere tu, son seduta, son stanca...stai facendo la torta...Rosario dov'è? Non può rispondere lei?
Mmmmm, vado io, okkei....
...
Fatto, era la solita intervista telefonica.
Come procede? Hai bisogno di una mano? Di un dito, dici?
Devo sentire la temperatura dello zucchero? Faccio come gli antichi, senza termometro? Così capisco la differenza senza l'uso di certi strumenti, affidandomi ai soli sensi?
Ma non mi brucio dici? Ahhh, si sta raffreddando perchè nella ricetta va tiepido, dici?
Senti, allora non ce l'hai più su per la vaniglia? Lo so che te l'ho appena chiesto...
Vabbè, okkei, mi sbrigo...allora, deve essere tiepidino, una sensazione piacevole ed allora è pronto...
...
...

La versione di Fausta
Mhmmm... eccola che si avvicina, espressione contrita... chissà, forse un po' le dispiace di aver fatto quel che ha fatto estirpando quella bella pianta di vaniglia su cui riponevo un sacco di speranze.
Mi domanda cosa stia facendo. Ma è palese, no? Preparo una torta decorata. No, non è per lei (ma che, crede di dover assaggiare proprio tutto? E poi, non l'ho mica ancora perdonata!) e sì -ma quante domande!-, vabbé, l'ho perdonata (per vendicarmi ho bisogno che lei si senta tranquilla).
Prendo la bilancia e comincio a pesare gli ingredienti. Che faccio? (uff... ma basta questionare! Lasciami lavorare in pace...). Ma non lo vede che sto per preparare la pasta di zucchero?
Mi chiede se ci sia bisogno di dosare la temperatura in modo esatto, col termometro, perché lei tutta sta cosa non la capisce (ma quando mai ha capito qualcosa dell'arte dolciaria?) e magari, sempre secondo le sue parole, si potrebbe fare come i nostri antenati, che andavano ad occhio e sensazioni. Mi fa un elmetto che non finisce più senza accorgersi che mi sta facendo innervosire. Però... "sensazioni", ha detto? Vuoi vedere che mi ha fornito da sola il modo per vendicarmi?
Mi chiede come mai tiri fuori dal cassetto il termometro per fare la pasta di zucchero... fortuna che se ne capisce davvero poco di glasse e paste e, poiché per fare la sugar paste non c'è necessità di lavorare a temperature elevate, le rispondo che sì, è vero, la preparazione dovrà essere solo tiepida, ma 40 gradi sono 40 gradi e non 41 e così via. Precisione ci vuole, in pasticceria. Precisione.
Mentre la intorto con la precisione squilla il telefono e lei prova a far rispondere a Rosario. Ovvio che Rosario non va, no? (c'era da precisarlo?) Così al telefono ci va lei ed io, non vista, porto la temperatura dello zucchero ben più in alto... 110 gradi? No, dai, facciamo 120! Torna e mi pone per l'ennesima volta la stessa domanda. Sì, t'ho perdonata, stai tranquilla... (uffa, che palle, ma la smetterà mai di chiedermelo? Ho idea sì... fra poco...).
120 gradi una bella scottatina la dovrebbero provocare... dài su, prova col ditino, come i nostri antenati, affina i sensi e guarda se la temperatura va bene... no non ti scotterai, ti assicuro, lo zucchero è appena appena tiepido...   

Epilogo.
Dopo tutto quel che mi ha combinato m'è pure toccato prendermi cura di lei e della sua ustione. Però, gioia assoluta, sono ugualmente riuscita a terminare la mia torta, completandola con fogliette e palline, oltre ad un bel fiocco rosso di organza.
Eccola qui, guardate che bella.
Sì, lo so, è un po' tardi per il Natale... ma l'abbiamo fatto apposta, così non accamperete scuse dicendo che sotto le feste si ha sempre poco tempo; siete in TEMPISSIMO per programmarla per quello del 2012!!!

Torta natalizia


Ricetta ed immagini sono state gentilmente offerte da Meris del blog di Vaniglia e cannella
Grazie Meris!!!!
     
La mia prima creazione in pasta di zucchero. Vi piace? L'ho trovata su Sale e Pepe di dicembre. L'ho studiata, realizzata mentalmente decine di volte e alla fine mi sono sentita pronta per farla realmente. 
Avete visto com'è alta? Per farla così ho realizzato ben tre torte di base. Ora vi scrivo gli ingredienti per una base, se volete farla alta come la mia basta che moltiplichiate gli ingredienti.
Per una torta di base
200 gr di cioccolato fondente al 70% di cacao
250 gr di burro
137 gr di farina
350 di zucchero di canna
5 uova
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Burro e farina per la tortiera del diametro di cm 22
Per la farcitura confettura di albicocche. 

Per la decorazione
800 gr circa di pasta di zucchero (si può acquistare nei negozi per pasticcieri)
coloranti alimentari verdi e rossi
zucchero a velo
Per la torta fate fondere il cioccolato a pezzetti. Raccogliere il burro morbido in una ciotola e lavoratelo con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Mettere le uova nel robot, montarle con le fruste, devono triplicare il volume. Aggiungerle al composto di zucchero e burro, delicatamente per non smontarle. Poi, sempre delicatamente, incorporate il cioccolato, la vaniglia e la farina setacciata.
Imburrate la tortiera, mettete l'impasto e cuocete in forno preriscaldato a 160° per circa un'ora. Deve formarsi una crosticina molto fragile al tocco. Lasciate intiepidire quindi sformate la torta. Dopo che si sarà raffreddata tagliatela in senso orizzontale e farcite con la marmellata di albicocche. 
Se volete la vostra torta alta come la mia, fate altre due basi, e tutte andranno tagliate a metà in senso orizzontale e farcite. 

Nella ricetta originale alla fine la torta andava ricoperta con la ganache al cioccolato. Io ho messo marmellata perchè tutto quel cioccolato mi sembrava troppo! Per ogni base ci sono 200 gr di cioccolato, quindi in tutto 600 gr,!!! 

Per la decorazione stendete 2 terzi della pasta di zucchero con il matterello allo spessore di 3-4 mm spolverizzando la spianatoiadi zucchero a velo. 
Arrotolate la sfoglia sul matterello e trasferitela sulla torta facendola aderire con il palmo della mano od una spatola, poi tagliate con un coltellinola pasta in eccesso.
Amalgamate il colorante verde ad una parte della pasta di zucchero rimasta, stendetela e con gli appositi stampini ritagliate le foglie del pungitopo od altre forme a piacere.
Amalgamate alla restante pasta il colorante rosso. Prelevate poi tanti pezzettini e formate delle palline.
Incollate i decori con della gelatina di frutta o sciroppo di zucchero.
 

53 commenti:

  1. Uhm mi dispiace per ditino ustionato di Tinny. :(

    RispondiElimina
  2. tinny tranquilla dal dito ustionato ne cresce un altro poi resta lì come un bubbone e pian piano si allunga...storto ovviamente ma dice che fa mooolto sessy

    RispondiElimina
  3. Ma Tinny tu sei quella dei "diti" malati? Uno se ne è andato con lo sminchietto, e questo te lo sei ustionato. ma attenzione! Non c'è il due senza il tre! Bravissime ragazze avete una fantasia che mi fa invidia. Ma.....Rosario l'ha vista la torta? Cos'ha detto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ROSARIO ha deciso di ABBANDONARE prudentemente la sua PADRONA... per il momento (purtroppo, veh, che mi sa tanto che sta storia non è mica ancora finita...).
      Anche il dituzzo ustionato della Tinny ho dovuto curarlo da me... altro che ROSARIO!!!
      Grazie Meris!!! Il merito è tutto tuo e della tua splendida torta!

      Elimina
  4. meris mi hai fatto riflettere...sempre diti...e il dito nell'inconscio simboleggia una parte dei maschietti ;) non è che la cara tinny ha problemi in tal senso....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maliziosa davvero la nostra Stefy! Ma com'è che alla simbologia del dito ci hai pensato solo tu???

      Elimina
    2. °_° sarà che devo preoccuparmi pure io °_°

      Elimina
  5. Carissima Tinny, mi spiace per il tuo dito, ma te lo dovevi aspettare, lo sai che la vendetta è, un piatto, ups una torta che si serve fredda.
    Baci ad entrambe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava Carla! Vedo che mi capisci... sigh... ma nulla potrà riportare in vita la mia piantina... sniff...

      Elimina
    2. prendine un'altra Fausta e pagala con la carta di tinny

      Elimina
  6. Scusate, ma io sento quello che dite, ehhhhhhh??? Non è che mi diverta a perdere o ad ustionarmi "i diti", ehhhhh???? Per la cronaca sono solo i medi!!!!!
    La signorina Rosario la torta l'ha vista e mangiata...di nascosto dalla Faustidda.
    Che tanto poi, da sempre la colpa a me...intanto, son sempre io quella che combina qualche casinetto, no???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma io l'ho detto che mi spiace per il tuo ditino!!!!

      Elimina
  7. Per la cronaca, la medicazione della signorina Faustidda è stata semplicemente lanciarmi due litri di acqua ossigenata sulla piaga, facendomi veder tutti i santi svizzeri per il bruciore, E BASTA!!!
    La signorina Rosario è svenuta perchè si impressiona sempre un pò!

    RispondiElimina
  8. Tinny tranquilla Fausta lo fa per te, usare metodi un pò brutali forgia carattere, mente e corpo! ahahah

    RispondiElimina
  9. Crudele....se c'è una cosa che è terribile è l'ustione da caramello, chiediglielo alla mia amica Pami che si è versata una goccia di caramello sul pollice e per riflesso si è portata il pollice alla bocca! E' ancora lì con la piaga sulla bocca che sembra una lebbrosa, povera...QUindi Faustidda, la vendetta è un piatto che va servito freddo e non a temperatura di Altoforno...ricordatelo la prossima volta!
    (siete il mio mito!).

    RispondiElimina
  10. uhhhhhhhhhhh cattivissima!!!! l'altra volta era caduta una micro goccia sul bordo della casseruola e io sbadatamente ho apoggiato appena appena l'indice...ci ho rimesso 4 strati di pelle e si è creato un buchino che c'ha messo settimane a guarire!! cattttiiiivaaaaaaaa :-)))

    RispondiElimina
  11. Ohhhhh, è vero o no che è cattivaaaaaaaaaa??????!!!!
    Oh, Stefy! Mi sta crescendo un secondo dito medioooooo!!!!! Dai che forse questo incidente mi tornerà utile???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si che torna utile specialmente quando guidi ;)

      Elimina
  12. Siete uno spasso. Io vorrei venire in ferie a casa vostra. Potrei dormire nella camera con la Rosario, io mi so adattare.

    RispondiElimina
  13. Meris, come vuoi, Rosario ha detto che va bene. Basta che non la prendi in giro per i piedoni.

    RispondiElimina
  14. Ma valà! Non li vedrò neppure i suoi piedoni. Grazieee Tinny. Ti farò sapere presto per le ferie. Un bacione a tutte e tre.
    P.S. - Spero vada bene anche a Faustidda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... per me andrebbe bene, ma te lo sconsiglio vivamente! la Tinny è nottambula e vederla in giro in camicia da notte sopra il ginocchio e papalina non è un gran spettacolo. Roba da infarto, direi. Quanto alla Rosario... la Tinny nel sonno (mentre deambula così, si sa, non la posso neanche svegliare!) la invoca... ti lascio immaginare il bel quadretto. Ora capisci bene che non è proprio il caso che vieni a ficcarti in questa bolgia; lo dico per te, ovviamente! Però se proprio ci tieni... presentati almeno con due patatine... quella mi fa fuori sempre tutte le scorte!

      Elimina
  15. NON è assolutamente vero! Sempre la solita....quanta pasiensa...

    RispondiElimina
  16. aspettiamo foto della reunion con la meris allora, però bisognerebbe organizzarne una veramente tra noi sane di mente no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci sono (tra le sane di mente) per la reunion dimmi solo dove e quando!!!

      Elimina
  17. Chi sarebbero tra di noi le sane di mente? Io non ne conosco! Forse l'unica sana è Rosario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi tutte siamo sane di mente, i diversi sono gli altri che non si sanno divertire ;)

      Elimina
    2. Sono assolutaMENTE sana e d'accordo con la Stefy!!

      Elimina
    3. ovvio siamo sister in fat non possiamo non essere d'accordo

      Elimina
  18. ANCH'IO mi sento assolutamente sana di mente!!!

    RispondiElimina
  19. Mi sono divertita a leggere, e mi capita raramente.
    Grazie per il sorriso di questa mattina.

    Complimenti per il blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, siamo molto contente di averti fatto sorridere. Seguici ancora e vedrai che oltre al sorriso ti faremo proprio ridere. Scusa se ti rispondo io, ma se aspetti quelle altre tre hai voglia di aspettare! Una è occupata a fare solo dolci, l'altra a fare danni e la povera Rosario è quella che ci rimette ed è sempre in camera a piangere. Quindi....come vedi.....
      Torna a trovarci. Ciao

      Elimina
    2. in camera a piangere? ma se Rosario l'ho vista io in tangenziale con le calze a rete e una borsetta che roteava vorticosamente.

      Elimina
  20. Va bè Stefy, se la metti così....

    RispondiElimina
  21. Bè, io mi chiamo fuori perchè non sono sana di mente...almeno lo ammetto...io...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va là!!! Che sei la pi SANA di tutte!!!

      Elimina
    2. ahah mi sa che qui il più sano di tutti è Warrick, che se non ho capito male dalla descrizione che ne ha fatto Tinny e un gran testa di caspio come il mio cane

      Elimina
  22. Rosario con le calze a rete???? Ma se fuma il sigaro! Non ce la vedo proprio con le calze a rete. Non è che per caso ti sei sbagliata ehai visto qualcun'altra....???? che magari assomiglia un pò alla Rosario?

    RispondiElimina
  23. Ahhhhh, Faustidda? Ecco dov'erano finite le tue calze a rete!

    RispondiElimina
  24. Certo che quando si legge....." non ci capisco una fava tonka" il meno che posso fare è rotolarmi a terra come una pallina......ma da dove vi vengono certe frasi? Hihihihihihihihi.....rido ancora!!!

    RispondiElimina
  25. Perchè la Faustidda porta le calze a rete? Noooooooo..... Ma se mi dicono che tu, Tinny, sei sempre lì in farmacia che traffichi con le calze a rete perchè ti scendono ecc..... I clienti ti chiedono un farmaco e tu ne capisci un altro dal da fare che hai con le calze a rete....mah. Date pure sempre la colpa alla povera Rosario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no la tinny porta quelle con la riga dietro e armeggia per mettere la riga sempre al posto giusto!

      Elimina
  26. Meris, purtroppo le autoreggenti non le posso più portare perchè son diventata allergica alla gommetta...ho avuto un drastico calo di sexitudine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova a disegnarle sulla pelle, all'inizio costa ma nel tempo ammortizzi la spesa

      Elimina
  27. messaggio per Faustidda: mia cara da qualche giorno non riesco più a lasciare commenti sul tuo blog, credo ci sia un problema con blogger, spero si risolva presto, un abbarccio Gio
    ps invitante questa torta!!! :P
    buon we

    RispondiElimina
  28. Allora ragazze, vi auguro una buona domenica e vi do una splendida notizia. Mi hanno dato le ferie. Quindi sarò da voi martedì c.m.
    Arriverò in treno. L'orario non mi è dato saperlo perchè prendo un locale che ferma in tutte le stazioni anche le più piccole e disabitate! Quindi so a che ora parto ma non so quando arriverò. Alla stazione prenderò un taxi, sempre che non siano in sciopero. L'indirizzo è Via dei Matti n. O verooooooo???

    RispondiElimina
  29. Sisì Meris!!! Dai, ti aspettiamo! L'indirizzo è esatto, se ti dovessi perdere non preoccuparti, basta che tu chieda informazioni al Sexy Shop in fondo alla strada. Tra l'altro martedì viene proprio bene perchè domani aspetto un pacco importante (per favore, non dire niente alla Faustidda perchè è una bella sorpresa!)e non avremmo potuto accoglierti come meriti!! Che bello....anche la Signorina Rosario non vede l'ora di conoscerti! Un bacione.

    RispondiElimina
  30. Lo sapevo!!!!Due matte come voi non potevano che abitare in "via dei matti".......hihihihihihihihi
    E non mi strapazzate la Meris,vi raccomando.
    Vogliamo sapere tutto di questo incontro,prendete appunto così non dimenticate niente.
    Ah come vorrei essere con voi!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  31. ... ma com'è che sono sempre l'ultima a sapere le cose??? Meris, ti sei per caso autoinvitata?
    Vabbé, io avrei un po' da fare (qualche dolcetto, si sa) però se vieni a darmi una mano sei ben accetta.
    E poi: cos'è sto pacco di cui non dovrei sapre niente??? Qui si fa sempre tutto di nascosto dalla sottoscritta; un giorno o l'altro prendo i miei stracci e me ne vado...
    A prop Meris, guarda che il nostro numero civico è 0,011... così, tanto per la precisione, non sia mai che ti dovessi pure perdere...

    Ragazze, state tranquille; la Meris starà come a casa sua (se riesce a convivere con la Tinny che bofonchia sempre da sola pensando di parlare alla Rosario...). Ve la restituiremo sana e salva e naturalmente...aspettiamo anche voi, prossimamente!!!

    RispondiElimina
  32. Non vedo l'ora di arrivare! Chissà come ci divertiremo. A prestooooo

    RispondiElimina

dì la tua (... purché sia uguale alla nostra...) e torna per la risposta, se hai il coraggio!